Raoul Live NEW

Menu principale:


biography

Raoul Bortolon nasce a Pesaro il 25 Settembre 1964 e si trasferisce con la famiglia a Cassola (VI) all’alba degli anni ’70. Nato con la musica nel sangue, fin da bambino è affascinato da tutto quello che produce un suono o che produce una musica e, all’età di 13 anni si immerge negli studi di chitarra e batteria.

1977 - 1984

Nel 1977 approda, come batterista, nella sua prima band, gli ALPHA G, un gruppo che ripropone pezzi funky e pop dei mitici anni ’70. Continua a coltivare le sue grandi passioni, la chitarra ed il canto, finché, agli inizi degli anni ’80, si trasferisce a Roma, ancora diciassettenne, per il suo primo impiego, ed è da qui che comincia a suonare con musicisti di ogni livello e bravura. Questo fa si che la sua esperienza in palco si arricchisca esponenzialmente ed è sempre qui che Raoul comincia a svolgere anche i primi spettacoli da voce solista, accompagnandosi con la sua inseparabile chitarra acustica e l’armonica blues.

1984 – 1988

Raoul è in giro per l’Italia e suona in una miriade di locali con un’altrettanta miriade di musicisti, impossibile elencarli tutti. I luoghi più frequentati sono: Udine, Firenze, Bergamo, Milano, Treviglio, Napoli e la sua cara Bassano del Grappa. Raoul, fino al 1988, ha praticamente suonato solo “cover”. I suoi autori Italiani preferiti erano (e sono): Ivano Fossati, Lucio Battisti, Vasco Rossi e Lucio Dalla. Nel repertorio internazionale, invece, predilige le leggendarie rock band mondiali quali: Led Zeppelin, Supertramp, Beatles, Rolling Stones e moltissime altre. Questa sua smania di suonare, e quando non suona ascolta musica di tutti i tipi notte e giorno, lo porta, praticamente venticinquenne, ad aver assorbito una grande quantità di stili musicali internazionali e, come in un click che scatta all’improvviso, Raoul si mette a scrivere canzoni a rotta di collo. Tra le innumerevoli canzoni scritte ricordiamo, del 1988, “The cowboy” e “nostalgia” che successivamente verranno inserite nel suo primo album.


1988 – 1994

Raoul rientra a Bassano del Grappa affascinato dalle luci e dai palchi dei locali delle grandi città dove ha suonato in tutti quegli anni e decide che è arrivata l’ora di realizzare il sogno che ha da sempre: quello di aprire un locale dove ci sia musica di alta qualità, rigorosamente suonata dal vivo, tutte le sere. Si trasferisce a Solagna (VI), dove apre quello che rimarrà uno dei locali più gettonati del Bassanese e della provincia di Vicenza, negli anni a cavallo fra il 1988 ed il 1992. Il locale, una birreria all’ingresso dell Valsugana, viene battezzato, “Blues Bar” in onore del locale dei “Blues Brothers” dove, nella Chicago dei primi anni ’80, John Belushi e Dan Aykroyd amavano trascorrere nottate pazze all’insegna del Blues e del rock’n’roll. Nel palco del “Blues Bar” transitano artisti di ogni specie, ma Raoul caratterizza, per circa 4 anni, il venerdì sera, allorche’ si propone nella veste che lo ha visto in giro per l’Italia negli anni precendenti: quella del menestrello blues accompagnato: dalla sua chitarra acustica, dalla sua voce e dalla sua armonica blues. Il locale riscuote un successo tale che diventa il ritrovo dell’ intellighenzia musicale di tutta l’area.. e non solo. Questa ulteriore “full immersion” nella musica sviluppa ancora di più la sua tecnica e la sua conoscenza del palco e, a seguito delle numerose proposte di suonare per altri locali, che quotidianamente gli vengono sottoposte, propone ad alcuni dei musicisti più affermati, che frequentano il Blues Bar, di fondare una band per andare a portare ovunque il caldo spirito del rock che si respira nel suo locale. Nasce così la Blues Bar Band (al secolo bb band) composta da: Raoul (voce e chitarra acustica), Raffaele Maddalozzo (tastiere), Franco corda (Chitarra elettrica), Beppe Pilotto (basso), Rudy De’ Podesta (batteria), la quale, nel giro di pochi mesi, sale in vetta al rating delle band più quotate del Vicentino. In questo periodo Raoul ritrova anche il vecchio amico Siro Zilio, col quale aveva suonato assieme, alla fine degli anni ’70 negli Alpha G e col quale inizia a progettare la realizzazione di un album composto solo di canzoni scritte dai due artisti. Il progetto slitterà di una decina di anni, ma già in queste fasi vengono scritte le prime canzoni che verranno inserite in quell’album.
Dopo molti successi, nel 1994, però, la bb band si divide e ognuno dei musicisti prende la propria strada. Raoul, venduto il Blues Bar, ritorna alla carriera solista sempre a cavallo della sua voce e della sua chitarra acustica. Nel 1992 dà gli esami alla SIAE e diventare compositore. Sempre nello stesso anno dà anche gli esami a Verona, presso la SIAE Veronese, per la qualifica di paroliere.

1995 – 2005

I dieci anni che seguono lo vedono impegnato principalmente da solo, ma Raoul non disdegna ad unirsi, per brevi periodi, anche con musicisti di ogni tipo per eseguire dei piccoli tour estivi e/o invernali nelle maggiori località sciistiche e balneari. Questo è il periodo in cui preferisce suonare in duo o al massimo in trio con vari colleghi musicisti prevalentemente della zona del Vicentino/Bellunese. Questi anni sono caratterizzati dalla collaborazione musicale con artisti tipo: Sebastiano Andreis, col quale fonda “il duodeno”, Miguel Martinez, col quale fonda “i comatron”, ma soprattutto sono gli anni in cui inizia la decennale collaborazione con Roger Bertelle, ex chitarrista dei “Delirium” col quale riscopre il piacere di suonare con due sole chitarre e due voci eseguendo repertori di gruppi storici quali: Eagles, Simon & Garfunkel, Elton John, Pink Floyd, David Boowie e molti altri. In back ground continua, però, a redigere i brani dell’album che si è ripromesso di pubblicare con l’amico e collega Siro Zilio.

2006 -2009

Agli inizi del 2006 è ancora impegnato in moltissime date con Roger Bertelle (il ritmo è quello di 20-25 date al mese). Questo sodalizio si protrae fino al 2011, ma sono il 2006-2007-2008 gli anni in cui Raoul & Roger in giro per ogni locale del nord Italia. Verso la fine del 2006 Raoul e Siro si ritrovano e decidono che, finalmente, è ora di pubblicare il loro primo album solista. Sia Raoul che Siro hanno alle spalle già parecchi album, nel senso che tutti e due hanno suonato in studio a moltissime realizzazioni di altri, ma questo viene visto come il loro album e dovrà contenere solo ed esclusivamente brani: scritti, prodotti, arrangiati, ed in parte suonati dai due amici artisti. A metà del 2007 iniziano le registrazioni di “Non sparate sul pianista” un album che raccoglie le loro canzoni scritte negli ultimi quindici anni. Viene aperta la “Comatron Production”, piccola etichetta discografica che produce unicamente i loro album e viene allestito un personale studio di registrazione dove i due artisti si buttano a capofitto nella realizzazione della loro opera. Intanto, entrambi, continuano a suonare in moltissime piazze e locali del nord Italia.
Raoul, da sempre appassionato di letteratura e in un periodo particolarmente creativo, decide che è anche ora tirare fuori un vecchio sogno che aveva nel cassetto fin dagli ’80 e cioè quello di scrivere un libro giallo. Da sempre affascinato dalla “suspence” che creano gli ambienti del thriller, comincia anche a redigere la sua prima opera libraria: “I fischi di Waspow”, libro che intende far uscire in contemporanea con il suo primo disco solista.
Lo sforzo dei due musicisti è premiato a Natale del 2009 allorché esce finalmente l’album “non sparate sul pianista” che subito riscuote un buon successo e i cui brani vengo prontamente presi in considerazione in molti palinsesti di radio locali e Nazionali (i 2 brani più gettonati dalle radio sono “Strada” e “Vamonos”). Contemporaneamente, tramite attiliofraccaro editore esce nelle librerie il suo primo libro, per l’appunto, “I fischi di Waspow”. Preso di buon grado dalla critica, Raoul prova così anche la sua prima esperienza di scrittore. Appassionato di scacchi fin da bambino, Raoul, nel 2008 entra a far parte anche del Consiglio direttivo del Circolo degli scacchi di Marostica (VI), città, per antonomasia, Regina degli scacchi e città nella quale si svolge, biennlmente, la partita a scacchi a figure umane nota in tutto il mondo. Nel 2009 Raoul vince il torneo sociale del “torneo Città di Marostica”. Continua tutt’ oggi la sua attività scacchistica presso il Circolo predetto.

2010 – 2011

Raoul consacra questo momento a modo suo e, nel marzo del 2010 dà vita ad uno storico concerto presso il teatro Vivaldi di Cassola (VI) nel quale presenta il suo album, il suo libro e riunisce, per un unico concerto, gran parte dei musicisti della leggendaria bb band.
A Dicembre del 2010 prende parte al Festival “7 note” di Pesaro e qui conosce il suo editore musicale, Francisco Orsini della Monocroma srl di Pesaro.
In seguito all’ottimo piazzamento di questo evento viene invitato a partecipare al “Titanus Festival” di Pesaro nel Settembre 2011, ma è già dall’ottobre del 2010 che Raoul & Siro stanno lavorando al loro prossimo album e così, in occasione del Titanus Festival, decidono di lanciare un singolo tratto dal loro album in lavorazione. Nasce così l’arrangiamento di “War” una canzone che, brutalmente, parla della prima guerra mondiale così come è stata vissuta dai Veneti… sotto tonnellate di bombe Austriache. Alla canzone WAR viene anche abbinato un video, realizzato dal regista romano Daniele Palazzesi, che Raoul presenta, per l’appunto, al Titanus Festival di Pesaro e che si aggiudica il primo premio come “miglior produzione artistica del festival del 150° dell'Italia Unita” e viene premiato, con un diploma d'onore riportante i ringraziamenti del Consiglio dei Ministri, Regione Marche, Provincia di Pesaro e Urbino. Citta' di Pesaro e Conservatorio "Gioacchino Rossini" di Pesaro. Gli viene riconosciuta anche una targa extra direttamente dalla Presidenza del Consiglio della Provincia di Pesaro e Urbino.
E' d’obbligo sottolineare che la manifestazione aveva anche l’alto patrocinio della Presidenza della Repubblica e del supporto Nazionale del quotidiano "Il resto del Carlino.
Per questa produzione Raoul ha anche ottenuto il Patrocinio della Provincia di Vicenza e del Comune di Cassola (VI).
A seguito di questo prestigioso riconoscimento, a Raoul viene chiesto di tenere un concerto del vivo pressso il teatro Vivaldi di Cassola (VI). Il teatro registra il "tutto esaurito" e, nello svolgere del concerto viene registrato anche il "live" audio video che Raoul fara' pubblicare, in formato DVD audio video, presumibilmente tra la fine di gennaio e l'inizio di febbraio 2012. Raoul, accompagnato in palco dalla sua mitica RAOULIVE BAND, composta da musicisti tra i piu' quotati del panorama Bassanese, presenta le otto canzoni del primo album, nonche' presenta, in anteprima, altri 5 pezzi dell'abum in uscita e il concerto e' un successone a tutti gli effetti. In occasione del 4 novembre 2011, per le celebrazioni della fine della prima guerra mondiale, Raoul e' invitato dall' Ammisnistrazione del Comune di Cassola a presentare, davanti a tutte le scuole medie ed elementari del Comune e delle frazioni, il suo brano WAR. E' con grande soddisfazione che Raoul vede, cosi', un nugolo di bambini intonare i testi della sua canzone. Un vero onore riconosciuto a pochi quello di sentire cosi' tanti bambini cantare la sua canzone debitamente istruiti dalle bravissime insegnanti di musica di quelle scuole. L'evento, del quale Raoul ne va particolarmente fiero, e' ripreso anche dal Telegiornale del Veneto e puo' essere visualizzato QUI . Attualmente Raoul è impegnato anche nel completamento delle registrazioni del suo prossimo album e, contemporaneamente, sta cercando di sgrovigliare la contorta trama del suo prossimo romanzo giallo che si intitolerà “Elise”. Elise è una ex agente di Scotland Yard e si ritroverà, tra Inghilterra, Francia e Germania ad effettuare le ricerche di una giovane donna inghiottita dal nulla. Suspence e omicidi alla Raoul vi attenderanno presto in libreria.

2012

Il 2012 segna per Raoul un anno piuttosto strano. Come per tutti gli Italiani d'altronde. Il 2012 nasce all'insegna della realizzazione del nuovo album "anime che si cercano". L'album, che sarà composto da 8 nuovi brani, è prodotto dalla SILDNrecords sas, dell'amico e discografico Silvio Pacicca, con la quale Raoul sigla un accordo di collaborazione per i prossimi anni, uscira' entro Natale 2012. Sempre nel 2012 Raoul sigla un accordo di produzione & managment con la Revenevents Produzione  dell' amico e produttore Christian Giglio, la quale organizzerà e seguirà il tour 2013 dell'artista. Tra gli otto brani che lo compongono verrà inserita anche WAR, la canzone con la quale Raoul lo scorso anno ha ottenuto una serie di importanti riconoscimenti nell'ambito dei festeggiamenti del 150° dell'Unità d'Italia.

 

2013

Con la preziosissima collaborazione di SILDN records di Reggio Calabria, capitanata dal discografico Silvio Pacicca e con gli arrangiamenti del suo storico amico Siro Zilio, Raoul presenta il nuovo album "Anime che si cercano". Un album composto di 8 canzoni scritte dall'inseparabile duo Bortolon- Zilio. L'album esce in tutto il mondo interessando particolarmente il mercato Giapponese, quello Messicano e quello Canadese.

 

..considerazione di Raoul Una considerazione di Raoul Una considerazione di Raoul Una considerazione..

Il brivido del palco e' ineguagliabile. E' come una droga. In tutti i sensi. Se ne abusi ti stronca se non ne hai ne sei costantemente alla ricerca, ma non c'e' solo il palco nella vita di un musicista. La vita dell’artista è strana. Quelli che riescono a sfondare sono pochi. Agli altri restano solo le briciole. E’ come se non esistesse la borghesia. E’ come un mondo dove: o sei povero o sei ricco sfondato, non puoi essere un borghese. Di notte per le strade trovi: artisti, poliziotti, fornai e puttane. Fare il musicista non vuole solo dire suonare. Fare il musicista e’ uno stile di vita. Può piacere o no, ma di sicuro e’ una cosa che affascina tutti. Voglio ricordare con affetto tutti quelli che ogni notte si fanno centinaia e centinaia di kilometri per le strade del mondo e che magari lo fanno per pochi euro. Quelli sono coloro ai quali, in verità, ho dedicato una delle mie canzoni più belle: città della speranza” che uscirà nel mio prossimo album.

 

 

 

 

 

 


 


| Home | News | discografia | Il libro | Contatti | press | biography | War il progetto video | gallery | gli amici artisti |


Menu di sezione: